Vendere Un Libro Online: 6 Semplici Step Per Aumentare I Tuoi Iscritti (E Le Tue Entrate)

Fammi indovinare…

Hai scritto il tuo libro e ora vorresti venderlo online.

Hai preparato il tuo bel form per l’acquisto da parte dei lettori, con una bella grafica accattivante, e anche una newsletter per tenerli aggiornati sulle tue offerte.

Magari hai anche diligentemente posizionato una sidebar in fondo alla pagina del tuo blog per promuovere il libro o l’iscrizione alla newsletter.

E ti sei messo ad aspettare…

…aspettare che gli iscritti arrivassero a tonnellate per poter vendere il tuo libro.

E invece niente.

Ogni mattina una nuova delusione: due, al massimo tre nuovi iscritti quando ti dice bene…

La verità è che per generare iscritti potenzialmente interessati ad acquistare il tuo libro devi avere una solida strategia……se vuoi vendere un libro online (il tuo, appunto), devi aumentare la tua Lista!

Sì, ma come?

rodolfo monacelli guest postCe lo spiega Rodolfo Monacelli, Laureato in Lettere e appassionato di scrittura, che si occupa da più di 10 anni di comunicazione, aiutando scrittori a promuovere e aumentare le vendite del loro libro su Internet, attraverso consulenze, corsi e coaching di web marketing… e che oggi ho il piacere di ospitare su Internet Business Café.

Rodolfo si trova molto in linea con le mie strategie, per questo sono sicuro che il suo articolo ti piacerà un sacco 😉

(e non solo se devi vendere un libro, ma anche se vendi qualsiasi altro tipo di prodotto o servizio: si tratta di strategie e tecniche applicabili in ogni settore!)

Ecco cosa scoprirai in questo articolo:

  • I 6 Metodi per raddoppiare i tuoi iscritti in pochissimo tempo…anche se non sei un Marketer
  • Come sfruttare gli Eventi Offline per aumentare i contatti e non doverti più preoccupare di generare nuovi clienti
  • Come aumentare la tua Lista con i Guest Post e qual è il trucco da utilizzare per riuscirci (rapidamente)
  • Il Singolo Motivo per cui dovresti creare delle Campagne Facebook Ads (e cosa dovresti fare esattamente se non sai come renderle profittevoli)

Vuoi raggiungere tutti questi obiettivi? Bene, continua a leggere per scoprire come fare (e alla fine troverai anche un super regalo gratuito) 😉

6 Step Per Vendere Un Libro Online (Aumentando I Tuoi Iscritti)

Se sei uno scrittore e vorresti aumentare la tua lista di potenziali lettori, allora stai leggendo l’articolo giusto.

Questo perché stai per scoprire il mio metodo in 5 passi che ti permetterà di raddoppiare (come minimo) la tua Mailing List in pochissimo tempo e vendere un libro online.

La buona notizia è che potrai utilizzare questo metodo anche se non sei un marketer.

Del resto, ho visto case editrici con grandi budget vendere molti meno libri rispetto a singoli autori che non facevano altro che inviare una mail per comunicare ai loro lettori l’uscita del loro nuovo libro.

Perciò, come fare ad avere una Lista sempre più numerosa?

Una delle frasi di aperture più usate, anche se a volte abusate, quando si parla di email marketing è “The Money is in the List” (I soldi sono nella Lista).

È grazie alla tua lista che potrai, infatti, comunicare con i tuoi iscritti – come vuoi e quando vuoi – che da visitatori del tuo blog si sono trasformati in amici.

In questo articolo non tratterò tutte le cose che potrai fare con la tua lista, i modelli di comunicazione e i modi per vendere i tuoi libri attraverso la tua Mailing List. Vi sono tantissimi articoli (anche su questo blog) e corsi che trattano questo tema specifico.

Quello che voglio insegnarti sono invece una serie di strategie con cui potrai, in pochissimi giorni, aumentare la tua lista di scritti e, dunque, vendere un libro online (e aumentare il tuo conto in banca!).

In questa premessa, però, voglio farti comprendere l’importanza strategica di avere una Mailing List, anche per te che per vivere vuoi fare lo scrittore e vendere libri.

Se stai pensando che oggi, con i Social Network, sia inutile avere una comunicazione fondata sulle email, cambia subito questo modo di pensare.

Rispetto a Social Network come Facebook o Twitter, o allo stesso Google, se hai le email dei tuoi potenziali lettori (o di lettori che hanno acquistato in passato altri tuoi libri), tu hai la piena libertà e non sei soggetto alle loro regole.

Se vuoi scoprire di più sulle strategie per promuovere il tuo libro, leggi questa ottima guida di Emanuele Properzi, il punto di riferimento italiano quando si parla di marketing per scrittori: Come Promuovere e Vendere Un Libro su Twitter.

Avere la mail del tuo potenziale lettore vuol dire poter comunicare sempre con lui, e non dipendere dagli algoritmi di Google o dalle regole di Facebook.

Ti faccio un esempio specifico…

Ti ricordi di MySpace?

Possiamo considerarlo il papà di Facebook. Era una comunità virtuale, creata nel 2003 da Tom
Anderson e Chris Dewolfe, che offriva ai suoi utenti la possibilità di aprire un profilo personale e caricare foto, musica e video. Era utilizzato soprattutto da gruppi musicali emergenti per farsi conoscere.

Che cosa successe da un giorno all’altro?

A causa di Facebook, Myspace iniziò a perdere utenti e chiuse i battenti.

Che cosa successe a tutti coloro i quali avevano impiegato anni caricando video e foto ma, soprattutto, creare una propria comunità di fan?

Persero tutto. E non hanno potuto in nessun modo ricontattarli.

Questa cosa, invece, non potrà mai succedere con la tua Mailing List perché è tua e nessuno te la potrà togliere.

In altre parole, con l’email marketing vivi nella tua casa di proprietà, con gli altri strumenti, pur utilissimi, sei in affitto e, da un giorno all’altro, il padrone di casa potrà decidere di darti lo sfratto o di abbattere quella casa.

Per questo è così importante avere la tua Mailing List e, dopo aver letto questo articolo, scoprirai i 6 passi vincenti per renderla sempre più numerosa e vendere un libro online.

1. Apri Un Blog

La prima cosa che devi fare è aprire un blog.

Molti scrittori pensano di non aver bisogno di questo passo per incrementare la loro Mailing List. Ed ecco perché la maggior parte di loro va incontro a un sicuro fallimento.

Perché è così importante aprire un blog per vendere un libro online?

  • Per far capire ai tuoi potenziali lettori, a prescindere dall’argomento e dal genere del tuo libro, che sai di quello che parli, che puoi aiutarli a risolvere un problema specifico o, nel caso di un libro fiction, di saper raccontare storie, far emergere desideri, farli immergere nel tuo mondo.

 

Ma come utilizzare il Blog per farli iscrivere alla tua Mailing List?

Scoprirai che sarà molto più semplice se applicherai questi 4 semplici suggerimenti:

  • Non temere mai di fornire “troppo” valore ai tuoi potenziali lettori. Non avere paura di scrivere qualcosa che poteva essere venduto, ma che hai fornito gratuitamente. Devi ribaltare questo modo di pensare. Devi, invece, pensare che solo fornendo reale valore, in un secondo momento i tuoi utenti acquisteranno i libri che metterai in vendita, perché ti conoscono e sanno cosa puoi offrire loro.
  • Ogni articolo deve avere una Call To Action, una chiamata all’azione e, nel nostro caso, l’iscrizione alla Mailing List. Lo potrai fare in diversi modi, sia attraverso un link, attraverso un bottone o anche attraverso un modulo da compilare (puoi inserire questi elementi in maniera semplicissima se hai installato sul tuo blog Optimize Press).
  • Cerca di mettere in relazione l’argomento del tuo articolo con l’omaggio che il tuo potenziale lettore scaricherà iscrivendosi alla tua Mailing List. Mi spiego meglio. Poniamo il caso che tu ti occupi di formazione personale e vuoi scrivere un articolo su “I 7 modi per evitare la procrastinazione” e, in parallelo all’interno dell’articolo, l’utente trovi il link (o una form, o un pulsante) per scaricare un eBook dedicato a quest’argomento. Non pensi che gli iscritti alla tua lista aumenteranno in maniera esponenziale?
  • Non limitarti a fornire una sola risorsa gratuita ma cerca di realizzarne il più possibile sui più diversi argomenti (naturalmente che possano interessare il tuo target) e nei più diversi formati (eBook, Video, Infografiche, eccetera).

2. Scrivi Guest Post

vendere un libro online blog

La strategia dei Guest Post è strettamente collegata a quella del Blog.

L’unica differenza è che, invece di scrivere un articolo sul tuo blog, lo scriverai su quello di un blog molto più noto del tuo che tratta lo stesso argomento (o uno simile).

Se vuoi saperne di più su come fare Guest Blogging, allora dai un’occhiata qui: Guest Posting – Come farlo in maniera vincente.

Personalmente, ti consiglio di iniziare con questa strategia.

Se iniziassi a scrivere solo sul tuo blog, senza essere un minimo conosciuto, nessuno leggerebbe i tuoi articoli.

A cosa servirebbe?

A nulla!

Riempiresti soltanto il blog di articoli (anche belli e interessanti), aspettando che Google si accorga di te. E, te lo dico prima, passeranno mesi.

Con il Guest Post, invece, già solo con un unico articolo (in un blog frequentato della tua nicchia) potrai incrementare notevolmente la tua Lista. Considera, inoltre, che questi blog sono normalmente molto “simpatici” a Google e, quindi, le iscrizioni alla tua lista potrebbe non fermarsi mai.

Perché la strategia del Guest Post sia efficace, dovrai inserire un link al tuo sito (all’interno dell’articolo o nella descrizione, in base a quello che ti dirà il proprietario del blog dove scriverai il tuo Guest Post).

Mi raccomando, però, che il link non sia alla tua Home Page, ma alla tua Squeeze Page (quella pagina “cattura contatti” dove gli utenti potranno inserire la loro email per iscriversi alla tua Mailing List e ricevere un omaggio).

In questo modo potrai ampliare la tua Lista, “rubando il traffico” (il copyright per questa definizione è di Giacomo Freddi) a un blogger della tua nicchia con migliaia di visite al giorno e, in cambio, lui avrà un articolo di valore sul suo blog.

Se vuoi saperne di più sul blogging strategico allora dai un’occhiata qui: Blogging Strategico – Come creare un Blog di Successo e Monetizzarlo in soli 6 mesi

Nota: ricordati che il tuo articolo dovrà essere il miglior articolo possibile su quell’argomento!

3. Lascia Commenti In Altri Blog

Questo è probabilmente uno dei metodi più utilizzati per portare traffico alla tua Squeeze Page e vendere un libro online.

Anche in questo caso è necessaria però una strategia.

Infatti, sarebbe completamente inutile lasciare tuoi commenti in blog che non hanno nulla a che vedere con il tuo target.

Se ti occupi di narrativa e lasci un commento su un blog di gatti, ad esempio, anche se qualcuno andasse a visitare il tuo blog, a quanti interesserebbero i tuoi contenuti e lascerebbero la loro mail?

Commentare su blog in target però non basta.

È necessario, infatti, anche lasciare commenti intelligenti, interessanti, che incuriosiscano il lettore al punto da portarlo a visitare il tuo blog.

Purtroppo, invece, ancora oggi leggo commenti del tipo “Bravo”, “Continua così”, “Sei il migliore!”.

A cosa servono commenti di questo tipo?

E, soprattutto, chi, dopo aver letto un commento del genere, avrebbe la tentazione di andare a visitare il tuo blog?

Ti consiglio, inoltre, di commentare su blog molto visitati (della tua nicchia, ricordalo!) di almeno 500-1000 visitatori giornalieri, così da avere più visitatori possibili.

Ricorda, infine, che anche l’orario del commento ha la sua importanza. Se commentassi un articolo, anche molto letto, alle 3 del mattino pochissimi sarebbero i visitatori a leggerlo e, di conseguenza, molto poche le visite.

La strategia che ti consiglio, e che utilizzo io stesso, è di stilare una lista dei blog della tua nicchia che ti interessa leggere e commentare e iscriversi alle loro Newsletter.

Così, ogni volta che uscirà un articolo, lo saprai in tempo reale e potrai lasciare un tuo commento.

Se vuoi scoprire Come Aumentare le Visite al Tuo Sito o Blog allora dai un’occhiata qui: 50+ Esperti Rivelano le loro 3 Strategie più Efficaci

Accedi al “Report Gratuito Sul Traffico” 

Scarica Il Report Gratuito e Scopri Come e scopri come Raddoppiare, Triplicare o Addirittura Quadruplicare il Traffico al Tuo Blog o Sito Web…

Clicca Qui Per Accedere Al Report Gratuito

4. Inserisci PopUp

Quando leggiamo la parola “Pop Up” ci spaventiamo sempre.

Ci vengono in mente, infatti, i siti anni ’90 (anche se purtroppo, soprattutto nei blog d’informazione, questo stile rimane ancora) in cui i Pop Up erano diventati un vero e proprio incubo.

Messaggi pubblicitari di ogni tipo, spesso pornografici o che comunque non avevano nulla a che fare con l’argomento dell’articolo che stavamo leggendo, impossibilità a leggere l’articolo e a uscire dal sito (e in cui non saremmo mai tornati).

I Pop Up di cui sto parlando non hanno nulla a che vedere con questa modalità di comunicazione (se tale si può chiamare).

Innanzitutto, il Pop Up:

  • deve contenere una Call to Action, una chiamata all’azione (nel caso specifico di cui stiamo parlando, chiedendo ai visitatori del nostro blog di scaricare una risorsa gratuita lasciando la loro mail)
  • deve essere correlato all’argomento dell’articolo o del blog.

Diverse sono le tipologie di Pop Up.

Quella che, però, ti consiglio è quella che utilizza la tecnologia Exit Intention.

Con questa tecnologia, esce un Pop Up attirando l’attenzione del visitatore ogni volta che cerca di uscire dal tuo blog, tracciando e valutando i movimenti del mouse e la loro velocità sul browser.

In pratica, diamo un’ultima possibilità al nostro lettore di scaricare la nostra risorsa gratuita.

Ci sono diversi servizi che offrono questa possibilità.

Quello che io utilizzo e ti consiglio è Optin Monster.

Te lo consiglio perché il più completo e semplicissimo da utilizzare e installare, garantendo inoltre la compatibilità con tutti i servizi di gestione Newsletter e tutti i provider email e, a differenza di altri servizi simili, non costringerà l’utente a rimanere sulla pagina.

Oltre all’Exit Intent, con Optin Monster puoi anche effettuare test A/B e creare messaggi specifici in base alla pagina visitata e, dunque, a un determinato contenuto.

5. Sfrutta Gli Eventi Offline

Rispetto ad altri mercati, se hai scritto un libro hai un’arma in più nel tuo arsenale. È molto probabile, infatti, che organizzerai presentazioni ed eventi dal vivo.

E perché non sfruttarle per raccogliere mail da inserire nella tua Mailing List?
Tra l’altro le presentazioni ti offrono non una, ma due possibilità per aumentare la tua Lista:

1. La prima è di raccogliere le mail durante l’evento dal vivo.

Immagino che in questo momento starai pensando che quello che hai letto in questo momento nega tutti i suggerimenti letti sui blog di Web Marketing.

“Perché il mio potenziale lettore dovrebbe lasciare la sua mail se non gli offro una risorsa gratuita?”.

E hai perfettamente ragione.

Per questo motivo, ti consiglio di offrirgli qualcosa di gratuito anche durante le presentazioni dal vivo.

Un evento dal vivo è però una cosa diversa dal web e dunque le eventuali risorse gratuite dovranno essere diverse.

Qualche suggerimento: un segnalibro, un codice sconto per il testo che presenti, un libro di poche pagine che avrai scritto specificatamente per quell’occasione. Le risorse gratuite che puoi offrire sono illimitate.

Devi soltanto usare la tua fantasia e ti sarà più facile realizzarle conoscendo il tuo target.

2. La seconda è di creare un evento su Facebook.

Per realizzarlo devi andare su questa pagina e cliccare sul tasto “Crea” compilando tutte le informazioni (il più dettagliate possibile) che ti richiede Facebook.

Questa funzione è probabilmente la più utilizzata dagli utenti di Facebook. Per questo motivo prima di andare avanti e indicarti la strategia per aumentare la tua Lista ti voglio suggerire qualche trucco per sfruttarla al meglio:

  • Invita solo gli utenti in target. È inutile e controproducente (anche perché Facebook non permette di invitare più di 100 amici al giorno). Perché invitare alla presentazione del tuo libro di cucina chi non ha mai cucinato in vita sua?
  • Invita solo gli amici della tua città. Pensi veramente che un utente che vive a Milano verrebbe alla presentazione del tuo libro a Bologna? Quante possibilità reali ci sono che questo avvenga?
  • Crea eventi vicini nel tempo. Non creare eventi troppo distanti nel tempo. Se la presentazione del tuo libro si svolgerà a Dicembre che senso ha creare un evento tre mesi prima? Ti consiglio di creare il tuo evento non prima di quindici giorni dal suo svolgimento.

Ecco fatto. Hai creato il tuo evento!

Per raccogliere le mail di chi intende partecipare non ti consiglio certo di contattare uno per uno tutti i partecipanti con un messaggio privato, chiedendogli di scaricare la tua risorsa gratuita.

Non farlo per nessun motivo!

Quello sarebbe SPAM e rischi, oltre ad essere segnalato a Facebook, anche di perdere l’eventuale autorevolezza che ti eri guadagnato in mesi di promozione e di lavoro.

Quello che invece ti consiglio è di pubblicare un post sulla pagina dell’evento, in modo molto persuasivo, in cui consigli al lettore di scaricare la tua risorsa gratuita per comprendere e apprezzare meglio la presentazione del tuo libro.

6. Crea Campagne Di Facebook Ads

Rispetto alle precedenti strategie che ti ho consigliato per aumentare la tua lista e vendere un libro online, questa è l’unica a pagamento.

Ti sto parlando di Facebook Ads per promuovere la tua Squeeze Page (la pagina cattura contatti che spingerà il tuo visitatore a lasciare la sua mail in cambio di una risorsa gratuita).

Se attuata bene, in realtà, questa strategia sarà però completamente gratuita.

Ti spiego.

Attraverso l’Email Marketing, una volta iscritto alla tua Lista dovrai portare l’iscritto ad acquistare un tuo libro a basso costo e, conseguentemente, non solo ripagherai l’investimento per la pubblicità su Facebook ma, immediatamente, avrai trasformato il visitatore da iscritto alla tua lista in cliente/lettore.

Ti starai chiedendo come mai ti consiglio Facebook Ads e non Google Adwords per promuovere la tua Squeeze Page e vendere un libro online.

I motivi sono diversi:

  • Google Adwords ha un costo eccessivo per la promozione della Squeeze Page (mentre va utilizzato per la vendita diretta del tuo libro)
  • Google Adwords va utilizzato per un desiderio o bisogno immediato; Facebook Ads per un desiderio/bisogno latente
  • Facebook Ads è la piattaforma pubblicitaria con la migliore targetizzazione oggi presente sul mercato (dall’età agli interessi, fino al lavoro svolto).

Creare una campagna verso la tua Squeeze Page non è però l’unica soluzione per vendere un libro online (anche se quello deve essere comunque l’obiettivo finale).

Potresti creare una campagna per lanciare un sondaggio per capire meglio qual è il tuo target ideale, promuovere l’evento che hai creato (secondo le modalità descritte sopra) per la presentazione del tuo libro, o indirizzare i tuoi utenti verso un tuo Guest Post.

Mi voglio soffermare un attimo soprattutto su quest’ultima modalità.

Puoi creare campagne che non siano dirette immediatamente alla tua Squeeze Page, ma magari su un tuo articolo di grande valore (che contenga uno o più link alla Squeeze Page).

Non tutti s’iscriveranno alla tua Mailing List.

Come riuscire dunque a trasformare quelle visite in potenziali lettori e aumentare realmente la tua lista per vendere un libro online?

Per questo scopo ti consiglio di usare lo strumento forse più potente di Facebook Ads: il Retargeting con cui, dopo aver installato un pixel di monitoraggio sulle pagine del tuo blog, Facebook conoscerà perfettamente quali sono stati gli utenti che hanno letto quell’articolo.

24-facebook-ad-retargeting

Potrai sfruttare questa conoscenza a tuo vantaggio, creando in seguito (ma non aspettare troppo) una campagna verso la tua Squeeze Page.

In questo modo, gli utenti che vedranno la tua campagna non saranno più contatti freddi e le possibilità che diventino iscritti alla tua Lista aumenteranno notevolmente.

Puoi fare la stessa cosa, naturalmente, non solo in merito a un articolo del tuo blog, ma a qualsiasi pagina che gli utenti avranno visitato.

Se vuoi scoprire una strategia avanzata per duplicare i tuoi iscritti (e le tue vendite) attraverso Facebook Ads, per qualsiasi tipo di prodotto o servizio, allora dai un’occhiata qui: Facebook Ad: Il Processo In 3 Step Per Duplicare I Tuoi Iscritti e Clienti (A Costi Davvero Ridicoli!)

Per migliorare ancora di più le tue conversioni tramite le campagne su Facebook ti presento, infine, 2 risorse utilissime:

  • AdSerendip: Questo tool ti consentirà di “spiare” le campagne Facebook sullo stesso argomento su cui è incentrato il tuo libro, vedere quali ha realizzato e quali hanno funzionato.
  • AdEspresso: Con questa risorsa in pochi minuti e con pochi clic, potrai creare decine di test sulle tue campagne (vedere quali titoli, quali testi, quali immagini, quali target, producono più conversioni). E, come in tutto sul Web, testare è il modo migliore per trovare la soluzione ideale.

  • AdEspresso (Risorsa 2): Sempre all’interno di AdEspresso hai la possibilità di accedere (gratuitamente) ad una vastissima raccolta di esempi delle migliori Facebook ADs… In questo modo potrai fare advertising su Facebook spiando le AD Più efficaci degli altri (compresi i tuoi competitor!)

Qui è Giacomo che ti parla: il CEO e fondatore di AdEspresso è Massimo Chieruzzi, che stimo moltissimo, e che ha realizzato un tool davvero fantastico, utilizzato ormai dai più brillanti internet marketer di tutto il mondo!

Vendere Un Libro Online… Qual è Il Prossimo Step?

Ok, ci siamo…

Con questo articolo hai a tua disposizione delle vere e proprie armi di distruzione di massa per aumentare la tua Lista e sbaragliare i tuoi concorrenti… e VENDERE il tuo libro online!

Quello che ti consiglio è di iniziare a testare una per una le 6 strategie che ti ho consigliato.

Come sempre nel marketing, infatti, è soltanto la prova dei fatti che ti potrà dire ciò che funziona per il tuo target e cosa non funziona.

Per questo l’ultimo suggerimento che ti do, per vendere un libro online, è quello di cercare di capire sempre da dove proviene ogni iscritto alla tua lista.

Per farlo, ti consiglio, quando è possibile, di inserire parametri di campagne personalizzate ogni volta che lasci un link (puoi farlo in maniera molto semplice utilizzando lo Strumento di Creazione Url di Google).

Mi auguro che questo articolo ti sia stato utile. T’invito a iniziare sin da subito a mettere in pratica i miei consigli per aumentare la tua lista.

Non domani, oggi!

Non farti prendere dalla “rimandìte”, perché facendo quello che hai sempre fatto, otterrai sempre gli stessi risultati.

Vuoi iniziare a creare rendite passive attraverso le tue passioni, che nel tuo caso è la scrittura?

Inizia sin da oggi allora!

Creare la tua Lista di potenziali lettori è il primo passo verso un nuovo modo di vendere i tuoi libri.

Vuoi Più Tecniche Per Far Esplodere Gli Iscritti alla Tua Lista?

Allora Scarica Questo Report Gratuito e scopri come Raddoppiare, Triplicare o Addirittura Quadruplicare il Traffico al Tuo Blog o Sito Web…

report gratuito per generare iscritti

Condividi_l_articolo

About Rodolfo Monacelli

Rodolfo Monacelli è un Web Marketer e Blogger. Si occupa di procurare visibilità e aumentare i profitti a scrittori e a piccole case editrici attraverso Internet. Nel 2015 ha fondato www.vendereunlibro.com. Per scoprire come usare la comunicazione su Internet per vendere il tuo libro scopri di più qui: 5 strategie per aumentare i lettori del tuo libro

BONUS INEDITO: 
Report Gratuito

COME HO GENERATO OLTRE 2.300 CONDIVISIONI AL BLOG ED OLTRE 500 NUOVI ISCRITTI ALLA MIA LISTA IN SOLE 48 ORE...

con una tecnica semplice, veloce (e gratuita)!
Clicca sul pulsante di Download Qui sotto e Accedi Immediatamente al REPORT GRATUITO
Report come aumentare traffico al sitoSI, INVIAMI IL REPORT GRATUITO
  • http://www.danielevirgillito.it/ Daniele Virgillito

    Bell’articolo Rodolfo, e grazie Giacomo per averlo ospitato su IBC. Ho una domanda: per chi si occupa di NARRATIVA, cosa consigli di scegliere come

    1. argomenti di blogging
    2. argomenti per la risorsa gratuita
    3. siti per commentare e fare guest posting?

    Grazie

    • Rodolfo Monacelli Due

      Ciao Daniele.

      Ti rispondo:

      a) Argomenti del blogging correlati alle storie che racconti nei tuoi libri. Esempio ti occupi di giallo? Potresti parlare della situazione del romanzo giallo in Italia, dei migliori dieci gialli usciti nel 2016 (magari con link di affiliazione di Amazon). O anche potresti raccontare come hai scritto le tue storie. Come sei arrivato a scrivere quel romanzo. I tuoi passaggi e i tuoi errori. O, se magari hai un personaggio ricorrente (Montalbano nel caso di Camilleri per esempio) come quel personaggio è nato. Insomma potresti scrivere tantissime cose :)

      b) Per quanto la risorsa gratuita potresti regalare un’anteprima del tuo prossimo romanzo, un piccolo racconto gratuito, uno sconto per i tuoi libri, un book trailer, eccetera :)

      c) Infine sul Guest posting: cerca blog che si occupano del tuo specifico argomento letterario (e anche la Letteratura ha le sue nicchie) oppure che si occupano in generale di Letteratura e chiedi di collaborare con loro. Vedrai che ne saranno felici :)

      p.s: sono contento che l’articolo ti sia piaciuto. Grazie.

  • Antonio Musarra

    Ciao Rodolfo.
    Da lettore che inizia a leggere il tuo articolo rimango un pochino indispettito per i troppi punti di sospensione (quando tre e quando di più) e le domane messe in forma affermativa.

    Hai utilizzato all’interno del titolo la dicitura (a mio avviso troppo abusata) “6 Semplici step”, in realtà per la maggior parte del pubblico non sono semplici step da realizzare. Come non esiste l’impossibile lo stesso vale per l’infallibile. I problemi in genere non si risolvono sempre con lo stesso metodo.

    Scrivere da guest non è poi così semplice, io come altri non lascerei scrivere sul mio blog persone di cui non conoscono nulla o quasi. I guest author che ho ospitato sul mio blog sono tutte figure di comprovata esperienza nel mio settore.

    Con questa tua affermazione “Se iniziassi a scrivere solo sul tuo blog, senza essere un minimo conosciuto, nessuno leggerebbe i tuoi articoli.” non sono d’accordo.

    In definitiva non mi trovo mai d’accordo con tutti gli articoli che semplificano troppo, la realizzazione di ogni step richiede conoscenze diverse, quindi, professionalità diverse.

    Ciao,
    Antonio.

    • Rodolfo Monacelli Due

      Ciao Antonio,

      ti rispondo volentieri:

      1) Sui punti di sospensione (quando sono più di tre sono semplici refusi di cui mi scuso): è il mio stile, mi dispiace se rimani “indispettito”, ma ognuno ha il suo stile :)

      2) Gli Step sono semplici, il che non vuol dire che ci voglia impegno (ad esempio a scrivere un articolo di valore) e una strategia. Cioè quello che ho cercato di dare. Conoscendo quella strategia il tutto diventa certamente più “facile”

      3) Ognuno, naturalmente, si regola come crede sul suo blog (che è casa sua) ma parlavo a livello generale e non individuale. Io quando ho presentato articoli di valore non ho mai avuto problemi nella pubblicazione anche per blog ben più importanti e visitati del mio (come quello di Giacomo, per esempio). L’importante è scrivere il tuo “miglior contenuto possibile” su uno specifico argomento per uno specifico pubblico e, quando invii una mail chiedendo di poter scrivere su un blog, essere chiaro, dare una scaletta, eccetera. (almeno questa è la mia esperienza).

      4) Su questo punto forse non sono stato chiaro e mi spiego meglio. Non ti leggerebbe nessuno perché nessuno saprebbe che il tuo blog esiste. Perché per essere indicizzato su Google (e essere ben indicizzato vuol dire essere nella prima pagina di Google per parole chiave ad alto traffico), ammesso e non concesso che tu abbia applicato un’ottima strategia SEO, ci vogliono mesi, se non anni. E nel frattempo? Scriveresti i tuoi articoli per nessuno (o comunque per pochi).

      Grazie ancora per il commento. Ciao.

      • http://www.internetbusinesscafe.it/ Giacomo Freddi

        Abbiamo scritto le stesse cose nello stesso momento!

        • Rodolfo Monacelli Due

          Ho notato 😉

    • http://www.internetbusinesscafe.it/ Giacomo Freddi

      Ciao @antoniomusarra:disqus ,

      grazie per il commento e per il tuo feedback… è questo genere di commenti che aggiungono sempre valore ai contenuti 😉

      Dunque vado per punti:

      – A me piacciono da morire i puntini, ma non per gusto personale, perché funzionano alla grande, e per “funzionano” intendo che incollano il lettore sul pezzo, rendono il tutto più attraente (non lo dico io, quando i miei dati e tutti i miei test, oltre che il mi account Google Analytics ;))

      – Gli Step sono semplici nel senso che volendo chiunque può farli con i propri mezzi… è vero, dovrà approfondire molti di quegli aspetti (sul mio sito trova praticamente il 90% di quello che gli serve ), ma comunque può promuovere da solo il proprio libro…

      – Scrivere guest post non è semplice, ma è il miglior metodo da cui iniziare per generare traffico qualificato, soprattutto quando sei all’inizio, e magari non hai budget sufficiente da investire in ADs. Il guest post è l'”arma principale” che mi ha permesso di crescere una lista di 4000+ contatti (gratuitamente, anche se ha richiesto tempo), in meno di 3 mesi.

      E’ vero, non è semplice scrivere guest post ma… NON DEVE ESSERE PERFETTO! Già quando ne scrivi uno che offre valore e contiene il link al tuo sito sei 10 passi in avanti.

      Io sono perfettamente d’accordo con l’affermazione che hai citato, per il semplice fatto che (questa è la mia) “puoi scrivere i migliori contenuti al mondo, ma se nessuno arriva sul tuo blog saranno completamente inutili”…

      Questo è quello che intende Rodolfo ed è per questo che il guest posting è talmente importante, soprattutto all’inizio.

      – Come detto sopra, è ovvio che bisogna approfondire, ma con questo articolo già sei nella strada giusta per promuovere al meglio il tuo libro.

      Un saluto,
      Giacomo

      • Antonio Musarra

        Prego @giacomo_freddi:disqus,
        come dice @rodolfomonacellidue:disqus anche lasciare commenti è uno dei 6 step.

        Bye,
        Antonio.

  • Stefano Belli

    Gran bel post!!! ;)))

    • http://www.internetbusinesscafe.it/ Giacomo Freddi

      Yeaah! 😉

  • Francesco Campa

    Complimenti Rodolfo. Articolo ben fatto ed esaustivo!

    Tra l’altro, cercavo delle informazioni su questo argomento.

    Ho apprezzato particolarmente i link di approfondimento che rimandano ai corrispondenti articoli di Giacomo, che stimo molto sia per il suo modo di scrivere che per il suo modo di trasmettere concetti spesso ritenuti ostici.

    Very good :-)

    • Rodolfo Monacelli Due

      Mi fa piacere ti sia stato utile @francesco_campa:disqus

    • http://www.internetbusinesscafe.it/ Giacomo Freddi

      Ciao Francesco,

      Hai ragione, Rodolfo ha scritto un ottimo articolo…

      Mi raccomando, applica le sue tecniche, (comincia con una per volta) e poi fammi sapere quali risultati hai raggiunto 😉

      Un saluto,
      Giacomo

  • http://www.powercoach.it/ Davide PowerCoach Rampoldi

    Per chi come me è un tenace fautore della Legge di Pareto del 80/20 questo post di @rodolfomonacellidue:disqus è stato miele per i miei occhi.

    Semplice, chiaro, essenziale e davvero alla portata di tutti.
    Chiaro che ci sarà sempre qualcuno che ne vuole sapere di più… ma per quello esistono i “content upgrade” di Giacomo e i corsi ad-hoc.

    Il punto cruciale è che se non fai nemmeno questi 6 passaggi, allora “sei fuori!”.
    Parliamo dell’ABC dello scrittore che punta in alto.

    In particolare ho letto con interesse la parte degli eventi fisici/presentazioni.
    Da un lato le ho sempre considerato un’enorme perdita di tempo.
    Dall’altro (sarà che invecchio) credo che siano una fucina di relazioni e partnership difficilmente replicabili online.

    Mi piacerebbe approfondire questo tema perché vorrei rilanciare la seconda edizione del mio libro e poi dedicarmi al lancio del secondo libro (pronto al 90% e di un terzo, ma scritto a 4 mani e per il mercato USA).

    Attendo lumi e ancora complimenti per gli spunti 😉

    PS Ma quanto è figo AdSerendip?

    • Rodolfo Monacelli Due

      Ciao Davide PowerCoach Rampoldi

      e grazie dei complimenti…

      Rispondo subito alla domanda che hai posto. Nel vendere un libro le presentazioni per me sono importanti.

      Perché, rispetto ad altri settori, il rapporto tra il lettore/cliente e l’autore è ancora più importante rispetto ad altri settori. Il lettore vuole guardare l’autore, sentirlo parlare, farsi firmare una copia del proprio libro (per questo personalmente consiglio di realizzare sempre anche delle copie cartacee e non soltanto digitali), magari farsi una foto insieme.

      E, dunque, essendoci questa esigenza, perché non approfittare per aumentare la tua lista?

      p.s: Adserendip è fighissimo :) Sono contento che ti piaccia :)

      Ciao.

    • http://adespresso.com Massimo Chieruzzi

      Davide però AdSerendip mi ricorda un po’ troppo qualcosa :)

      Grande post Rodolfo e grazie della mention!

      • Rodolfo Monacelli Due

        AdEspresso ovviamente è il top :) Non per tutte le tasche (soprattutto il mio target è fatto di poverelli 😀 ). In questo caso AdSerendip è una buona alternativa… per questo l’ho voluto inserire @massimochieruzzi:disqus :)

  • Pingback: Editing: Il Primo Passo per Vendere il Tuo Libro()

  • Alberto Medici

    Bel post! Ci sono arrivato facendo il corso di Giacomo, quando ho visto questo post fra gli esempi ho lasciato lì tutto e sono venuto a leggermelo!

    Che dire? Tutto molto giusto e interessante… ma non è che siamo tutti quanti… tuttologi!

    C’è un motivo per cui, ad esempio, uno sa tirare i palloni in piorta ma ha bisogno di un altro che gli procuri i migliori contratti di ingaggio.

    ERGO: Rodolfo, fai anche operazioni di marketing…. “pro bono”? (come quegli avvocati in USA che affrontano le cause e poi chiedono la parcella in base al risultato raggiunto)

    Insomma…. se vuoi ti spiego….

    Ciao a tutti e grazie ancora!!!!